Monday, January 20, 2014

Interview with José Massaroli

Hola mis amigos!

Today I'm really excited to present you the interview I did with the great South-American artist last summer. It's been a pleasure for me and I hope you will enjoy the reading.

When did you first encounter the world of comics and when to did you decide to make comics yourself?

I was a very young child when my parents bought me comic books as Donald Duck or Billiken, a weekly magazine who brought many good European comics, including Arthur le Phantome and Argentine characters. As Pi-Pío or Pelopincho y Cachirula. Many years later, I found that Donald Duck cartoons that I liked, were what made Carl Barks, the greatest artist that I took as model when I had to draw Donald Duck for Egmont.

What kind of comics have you grown up with? I mean, what comics did you like to read When you were young?

As I got older, I liked to read comic adventures, including Johnny Hazard, Alley Oop, Tex Willer, made in Italy, Blake and Mortimer, Dan Cooper and Umpah pah, French, and the Argentine Misterix, Hora Cero, Frontera and the magazines of Editorial Columba; also Batman, of course, and other super heroes.

Do you consider comics as an art? What is, in your opinion, the "role" of comics in modern society?

Yes, comics are known as "the ninth art" and for me, it's true. It is a special combination of pictures and words that tell a story in a new way, Twenty Century own parallel to cinema. Great artists like Barks, Hector Oesterheld, Hugo Pratt, Alberto Breccia, Quino and Moebius, have created works of art that are as worth as the best literature, painting or film.

Are you autodidact or did you attend some art school? Who are the main artist you are inspired by?

I'm kind of self-taught, although when I was ten years old, I studied by correspondence (I lived in a small town, Villa Ramallo, distant 200 miles from Buenos Aires, Argentina, where I arrived just at 18 years), with Continental School School, which used many lessons of animator Preston Blair. When I arrived to Buenos I studied with great illustrators as Pablo Pereyra and Angel Borissof, but more than anything, I learned working as an assistant to a great cartoonist: Lito Fernández and from there, since the late '70s, publishing on my own. Years later, in 1995, I again had a great teacher, when Daniel Branca supervised me in my work for Egmont and revealed the secrets of the Barks style and his own, when I was able to start drawing comics of Donald Duck. If I have to choose an artist as the model that I followed throughout my career, that's Pratt.

Taking for example a story of Donald Duck: which is your usual method to build a page?

I read the script until I look like I've written myself and I seek some necessary documentation and study it. Then I sketch all the story once. From there, I take a page and draw it as best I can, then another page, etc. the next day, back on the pictures and I correct, retouch, improved everything I can. I keep well until the whole script is done, at which point do an overview of the entire comic, before handing it to the inker, which can be Raúl Barbero or Ruben Torreiro. When I get ink past work, back to reviewing, updating, correcting ink until I'm satisfied. For me, it is important to identify with the characters and feel their emotions, for to be able to interpret them properly. Many times, I am inspired by friends or people known to create the secondary characters.

How do you see the situation of comics in society nowadays? Will there be, in your opinion, to good future for them?

This is a very different time to when I started with comics. In my country are missing the big publishers who edited many magazines and comic artists should work for Europe or United States for the most part. Internet greatly facilitates the latter. A good thing is that one can develop his style and publish directly to the web, without the constraints imposed by large publishers houses. I don't know what will happen in the future. I see that cartoon motion is becoming Motion Comics and other things that do not interest me too much. For me, there is nothing better than pencil, paper, ink and black & white. Often excessive computer colored cover the drawing, it vanishes. There are many talented young people, no doubt, often published in book form, directly, without going through magazines. However there will always be comics, I think.

Which are the artists you would like to suggest to read and to know?

Carl Barks is immortal, he is a master in everything he does and also I'm laughing out loud every time I read one of his stories. Branca was a great artist and his drawings also cause an irresistible grace. Other artists I like, in realistic style: Alberto Breccia, Dino Battaglia, Arturo del Castillo, Mike Mignola, Frank Robbins, Joe Kubert, Jack Kirby, some stuff of Frank Miller and the classics: Foster, Raymond, Cannif, and always, always, Hugo Pratt.

If you would like to add anything about yourself, your education or your career, you are free.

I've drawn cartoons for Disney since 1991. Tale Spin, Rescue Rangers, Darkwing Duck, Bonkers, Mickey Mystery, etc.I like it. I drew Donald Duck for 15 years to Egmont. Recently, I was drawing some pages for Sanoma, from Netherlands. But that's not all: alsocultivated always realistic style. I have worked a lot in Argentina with that kind of comics and also to Italy and Britain. Not long ago I drew Savage Beauty for America. Lately I have been creating stories about Argentine historical themes, which I really like. I also made humorous stories with my own style, creating, for example, my character Orquídeo Maidana, a tango and Jorge luis Borges-inspired character for local magazines. I have 40 years doing comics and hope to continue doing what I enjoy another 40 years at least. While there are readers who love comics, like you and
the many followers of your blog, I will feel that I have new stories to tell and draw.It gives me much pleasure to answer these questions, because I love comics and also because they come from the region of Italy where my grandparent. Carlo Massaroli, were born: Bobbio, Piacenza. Thanks for reminding me of the beautiful places they come from!

Courtesy of José Massaroli for the images. (C) Disney.

Monday, May 13, 2013

[SPECIAL EDITION!!] Interview with Daan Jippes

We all know Daan Jippes, the great artist behind dozens of great adventures, his unique style, his unique characters. Well, I'm now proud to introduce to you my own interview with this great man, which has been previously published on Rappet #21.

Good reading!

I'd like to start off asking you about your family (Siblings, parents...) and your beginnings as a cartoonist (how you “met” Disney...)

Both my parents are deceased. Dad at age 64 (so presently I have outgrown him); my mother at age 91. I have two sisters, living in south Australia. I`m still the "man in the middle", family-wise. Myself I have no children. And presently am single. (happily single!)

My first "encounter" with the Disney universe was an animated cartoon. "Polar Trappers"; in my local cinema, at age four. I hated Donald in there who was so mean at that little penguin! I shed tears actually, illustrative of the effectiveness of Disney`s work.

A year later I became mesmerized by the appearance of the belgian Mickey Magazine weekly, which featured all the regular comicbook material but also the more mature King Features strips!

Another year later Donald Duck weekly was launched in the Netherlands and I became a subscriber from the second issue on. From that time on I started to copy anything to my particular liking from those pages.

The selection I made of what was "worthy"of copying must`ve said something about my developing personality.

Are you an autodidact? By which great past artists are you inspired the most?

Yes, I "taught" myself to draw. Primarily and not unimportantly: also taught myself to observe. And to act out.. And to shape and design. And to judge..

All that comes into play when doing a comicstrip. Of course a few favourite artists influenced my taste greatly. The "flair" in their work was decisive I believe.

Carl Barks and the earlier André Franquin (= pre-Gaston) played their major parts..; but also Raymond Macherot, Tibet, Floyd Gottfredson, Paul Murry, etc.. Morris ( Lucky Luke) .. oh.., too many to mention really!

You drew all Carl Barks' scripts after his retirement including 24 Junior Woodchucks stories. Among these there is Life Savers, which stands out because the original Carl Barks' script appears to be lost. Is this the case, or did you have Barks' original layout script to draw it? 

There were a few Woodchucks`-scribbled scripts missing, that`s true. But these have surfaced since the time all the others were published in the Another Rainbow Carl Barks Library in the later 1980`s.

Among these "Life Savers".

And later still "King Scrooge the First". Since its creation having been in the possession of Del Connell who worked as art director at Western Publishing in Burbank in the 1970`s.

In 2007, your version of Barks' The Pied Piper of Duckburg has been published . Barks only left the first three pages of it, how did you reconstruct the missing ones? What do you think about Rosa's version? 

As far as I remember there was NO clue to be found in those first three pages to build on for the rest of a potential "story". Apart from that "bridge over the Duckburg River" being mentioned, and to be spotted in panel 4, page 2, THAT I used as a key location for the business in the chain of events that MIGHT, eventually, encompass a "story"... ( a story with a splash ending, preferably, involving armies of rats, to be sure!).

I aimed for a plot that would accommodate lots of action.. Duck-plots SHOULD do so (I truly believe and have always done so) with fun-to-visualize physical stuff. After all, I consider the comicstrips still to be a by-product of the cartoons of yore. (well, that`s how I was raised!).

And that`s where I differ from artists and writers like Don Rosa. His plot here, and the way he fleshed it out, is an example of his brand of "indoor-dialogy" continuity.

What do you think about the Lo$ (The Life and Times of $crooge McDuck)?

His "Life and Times of Scrooge Mc Duck"-saga is a bold endeavour to "complement" and fill in the blanks and gaps in Barks` Scrooge-oeuvre.

Grounded in a "concept" which suggests Barks`stories about the old miser are all logically and chronologically consistent.

Well, I really believe they were never MEANT to be that! So.. if I have a critique there, that`s where it`s to be found.

What is, in your opinion the role of comics?

Comics have no "role". Their role is that they ARE. Are there to entertain. Most fail to do so, or do it only adequately. And that`s just fine. 

How do you see the comic books situation in Europe?

The comicbook "situation"-you speak of- in Europe is that the "situation" is gasping for air. Anything goes in a situation like that. Anything is tried; anything is put to the test.

"Let`s see what sticks to the wall after it`s been thrown against it.", seems to be the publishers`mantra. A sign of a certain desperation. A commercial one in the first place. And without a commercial basis the desperation`s bound to persist. Until the whole business perishes.

What are you working on at the moment?

I write and draw with continued pleasure under the expert guidance of editor Byron Erickson.. When I`m not supplied with scripts by John Lustig from the office, that is.

What could you tell us about your “Havank”? 

On HAVANK: after two album-adventures that project`s dead in the water. Though I`ve finished writing a third story I lack the time and funding to start drawing and coloring those 44-plus pages.

And here there is the majestic Gedeone de' Paperoni drawn by Jippes for the Danish fanzine.

© Disney for Gedeone.


Monday, February 11, 2013

[INTERVISTE "COMUNI"] Intervista a Carlo Basso

Salve a tutti! Il tempo vola e, tra mille impegni, non ho più avuto l'occasione di aggiornare questo blog di cui vado molto orgoglioso. Per sdebitarmi con i fedeli lettori, apro con questo articolo una nuova rubrica, quella delle interviste "comuni", o meglio delle interviste fatte a gente "comune" o comunque che non si trova ad un livello professionale di altre persone intervistate da me nel corso di questi due anni. Quindi, per un po' di tempo, non aspettatevi Ferioli o McGreal, ma volti semisconosciuti che leggono fumetti e li commentano in rete, i classici fan.

Il primo ospite di questo angolo si chiama Carlo Basso. Chi ci segue da un po' ha già avuto modo di conoscerlo leggendo il suo interessante articolo "Il Tempo nelle storie di Don Rosa". Carlo è anche uno dei maggiori contribuenti dell'ormai celebre sito Paperpedia. Che dirvi, buona lettura!

Quando e perché hai cominciato a leggere fumetti Disney?

Devo ringraziare mia sorella se mi sono avvicinato precocemente ai fumetti Disney, fin da quando ancora non sapevo leggere e mi limitavo a guardare le vignette, immaginando chissà quali avventure dietro tutti quei disegni e quei colori. Siamo a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio (sono nato nel 1994) quando iniziai a leggere per davvero i fumetti ed è proprio grazie a “Topolino” se, con il passare degli anni, affinai la mia abilità di lettura e imparai numerosi termini nuovi. Crescendo persi interesse per molte delle storie del settimanale, che iniziava ad abbassare il target da giovani adolescenti a bambini, ma scoprii le storie di Carl Barks e Don Rosa, che trovai fin da subito straordinarie.

Come è nata questa passione per la filologia fumettistica e per la ricerca di nozioni in ambito fumettistico?

Ho sempre amato i personaggi dei fumetti Disney. La passione vera, però, è nata precisamente nel 2004, ovvero l’anno in cui sono entrato in possesso della “Saga di Paperon de’ Paperoni” di Don Rosa, nell’edizione “Zio Paperone & Co.” di Repubblica. Dopo aver consumato le pagine di quel libro mi sono reso conto di quanto i personaggi del mondo Disney potessero avere uno spessore temporale e caratteriale, non come gli statici personaggi che venivano presentati da molte storie italiane. Paperino, Paperone, Qui, Quo e Qua, …, hanno caratteristiche precise, perché hanno una storia alla spalle che, in qualche modo, li ha formati. Perché forse solo Barks e Don Rosa, tra gli autori, si sono accorti che i paperi sono personaggi a tutto tondo e ce li hanno mostrati nella loro pienezza? Ecco perché mi è sorta l’idea di indagare nel loro passato, imparare a conoscerli e farli conoscere.

Può parlare un po' del progetto Paperpedia?

PaperPedia nasce, quasi per scherzo, nel 2010. Era da un po’ di tempo che avevo intenzione di creare un’enciclopedia che contenesse solamente nozioni riguardanti il mondo dei paperi, ma non sapevo come realizzarla nel concreto. Per puro caso mi sono imbattuto nel servizio Wikia e mi sono buttato nella creazione del mio progetto. 

Sicuramente gestire PaperPediaè stato un impegno formativo, un esercizio di scrittura, di oggettività, di ricerca delle fonti e di gestione dei contenuti; è stata dura portarla avanti, conciliandola con studio e impegni, ma mi ha gratificato davvero molto. 

Proprio quest’anno, a due anni dalla creazione, abbiamo raggiunto e superato le 1000 voci e siamo stati eletti wiki del mese di novembre. Oltre a pagine per personaggi, storie, autori e oggetti abbiamo introdotto anche una nuova categoria nella quale inserire dei dossier, cioè veri e propri articoli di approfondimento sulle tematiche più svariate: dalla religione al concetto di tempo. Credo valga davvero la pena leggere queste pagine, corredate da citazioni e fonti, per comprendere la profondità del fumetto Disney. 

Colgo l’occasione per ringraziare di cuore i vari utenti e amministratori che hanno deciso di far parte di questo progetto, lavorando instancabilmente per correggere, ampliare e migliorare le varie voci. Grazie davvero.

Tuesday, December 18, 2012

Interview with Silver Medallion

When I opened this blog, two years ago, I couldn't expect I would have interviewed such important people and artists and I'm very proud of the work I did. Today is a great day for the Daily War Drum, 'cause today, for the first time in the blog's history, I offer you an interview with a musician.

And it's with great honor that I present you to the interview I did with the well-known NY-based singer Silver Medallion!


I would like to start off with asking you about your beginnings as a musician. Are you son or brother of artists? Which influences have you got? When did you start singing and when and how did you decide to become a singer/musician?

My father was a guitar player and played in folk bands. I got my start in reggae bands and graduated to singing.

Why did you choose the name "Silver Medallion"? Any interesting and tellable background story behind that choice?

Spent a night in a graveyard asking the ghosts about the name with a oujie board, Silver Medallion was the result.

What kind of music do you enjoy/listen to?

Psychedelic instrumental rock music, Explosions in the Sky, Godspeed You Black Empereor etc.

Which producer/artist would you like to collaborate with in future?

El-P.  He's got this sound that's general mood in chaos speaks to the general New York City insanity that my music stems from.

Do you enjoy your lifestyle/status?

Yeah, being a musician and having Snapchat has changed my life.

What kind of movies do you enjoy and which is your favorite movie ever?

F°ck film.

Are you currently working on something? Are there upcoming releases from yours?

I'm releasing an EP called Xanaxland 12.12.12, I'm working on further installments of that series.

If you weren't a musician, what would you like to be?


If you could escape the "real world", which fictional character would you like to be?

Anyone that could fly.

Describe the following artist by three adjectives each:

. Skrillex -  acorn, apricot, chives
. Linkin Park - pepper, cauliflower, lox
. The Cataracs - bacon, basil, marscapone

The questions are over, if you want to add anything about your biography, career or simply say "hi", you can.

Grab the new project at :)

Friday, September 21, 2012

Bogford McDivot

As I mentioned in this post, I wrote, time ago, an interesting article about Bogey McDivot, a distant relative of Scrooge, which was featured in the 20th issue of the Danish fanzine Rappet. Now it's the time of the Daily War Drum to publish the original text in English!! Enjoy you reading!

Bogford McDivot
                     Simone Cavazzuti


We all know Donald Duck's wealthy uncle Scrooge McDuck and his cruel rival Flintheart Glomgold (both introduced by the Duckman Carl Barks in the '40-50s), but few people know that they are related.
What??? They are related? What have I missed?” Probably you are asking that. But it's true! According to D 99285 (Family of Fore), written by the American author John Lustig, creator of the Last Kiss Comics series and drawn by the Chilean artist Victor Rios (aka Vicar), who passed away the last 3 January, Scrooge and “Flinty” had a common Scottish relative: Bogey McDivot.

Bogey McDivot


In D 99825, “Uncle Scrooge is in Scotland for the reading of Bogey McDivot's will.” Donald wants to learn how to play golf, but Scrooge tells him that golf has always been the curse of their family and then explains: “it's golf that's kept our ancestors poor! They were all more interested in chasing balls down gopher holes than in getting rich! But not me! I never wasted my time playing golf! And that's why I'm the only member of the family who's ever had any real money!”

Well, this isn't true! We see indeed Bogey's rich castle in the next panels and it also seems that Bogey played golf “at least once or twice”.

Bogey McDivot's castle

There, the Ducks meet Mulligan Pettifog, Bogey's solicitor and friend, who tells Scrooge that he isn't the only “long-lost relative who has a claim on Bogey's treasure”. Okay, the other relative is Flintheart Glomgold and the Ducks' reaction is quite similar to yours.

Scrooge and Flintheart meeting in Bogey's castle

The plot is quite the following: Scrooge and Flintheart have to play golf to decide who the legitimate heir is. In Scrooge's words, Bogey was in fact a “golf nut”. At the end, Scrooge miraculously wins and inherits the golf course!

Bogey's treasure


We saw that the World's two richest ducks are related and had a common relative: Bogey McDivot. But how are they related and where is Bogey in the Duck family tree?

Since the story doesn't answer our questions, I decided to ask John Lustig, the writer of the story, about Bogey's relation to Duck family.

The following text is part of the correspondence between Lustig and me.

SC: Simone Cavazzuti (I)
JL: John Lustig

SC: Hey John, I write to you because I need some information about your original plot of D 99285. Do Scrooge and Flintheart have a mutual relative? If yes, what is his name and how is he related to them? […]

JL: Hi, Simone. […] My idea was that two ducks who look and act so much alike would likely have a common relative somewhere in their family trees. Scrooge and Flintheart were both named in Bogey McDivot's will because they were both somehow related to Bogey. […] Personally, I think both Scrooge and Flintheart are related---although somewhat distantly. […]

SC: Thank you, John. […] Since you are the "creator" of Bogey, would you like to define now the relation […]? […]

JL: That's kind of you to offer. I don't have a strong feeling about where in the tree to place Bogey. […] Perhaps Bogey could be his Uncle Jake's son. That would make him Scrooge's cousin. […] Urk. I had a chance to think about it a bit more and I realized that Bogey should be more distantly related to Scrooge and further back on the family tree. […] How about Bogey being the grandson of Quagmire McDuck? Being that far back in the tree and not having a direct line to Scrooge means that Quagmire may have also sired a daughter who married a Glomgold. It would also explain why Scrooge and Glomgold don't know they share a common ancestor. Glomgold's never traced his family history that far back. And Quagmire isn't a direct ancestor of Scrooge's--so he probably never checked to see if Quagmire had any children. […]

SC: This would put Bogey in Scrooge's generation and I like it, maybe he was elder than him. Scrooge and Flintheart didn't know him and the relation you suggested would explain that. Scrooge was never interested in his uncle's genealogy and the same for "Flinty". […] I suggest that Glomgold to be Flintheart's father's distant cousin, this would explain better the fact he had never
heard about him. We can also suggest names for Quagmire's daughters since we are here; what about Margaret and Elizabeth?

JL: This all looks good to me. Margaret and Elizabeth are fine as well. […]

SC: […] And what about making "Bogey" just a nick? He may was called [… ] "Bogford" […] or a more common Scottish name […]. What do you think about?

JL: […] As for "Bogey" being a nickname...well, I suppose it could. Just so you know, though, Bogey is a golf term. (As is the "divot" in McDivot.) How about Bogford?

SC: […] I looked for the names in Google and I found that they were related to golf, good idea. I like the name Bogford, it sounds British.


In conclusion, we can say that now we have the answers we were looking for: Bogey McDivot is the son of Scrooge's great-uncle Quagmire McDuck's daughter Elizabeth, whose sister Margaret has married Flintheart's father's second cousin. That's all!


While I was writing this essay, I found on the web the statuette of a golf player called Fergus “Bogey” McDivot.

I told John and he commented: “Ha! I'm surprised, but not shocked. It's such a natural for a golfing name. […] Funny.”


  • Heirloom Watch, Carl Barks, 1955
  • Family of Fore, John Lustig, 2001

    The images here used are (C) Disney

Tuesday, September 18, 2012

Il Tempo nelle storie di Don Rosa (di Carlo Basso)

Questo articolo è il frutto della prima, e si spera non ultima, collaborazione fra il Daily ed l'interessantissimo sito Paperpedia. Buona lettura!

Io non ho percezione di un "mondo Disney" dove i personaggi non invecchiano mai. Questo mi lascia perplesso. È forse basato in parte sul modo in cui la Disney riesce ad usare Paperino nei cartoni degli anni '30 e in quelli nuovi? Um.. per la Disney Paperino è soltanto un attore. […] Per me, quello che la Disney ha fatto con Paperino non ha *niente del tutto* a che fare con il Paperino con cui sono cresciuto con i fumetti di Barks. Quello era un personaggio con una profondità, e una grande famiglia estesa e una città e... mio Dio, c'è TANTO di più nel Paperino dei fumetti che in quella configurazione di linee e colori che si vede nei cartoni Disney. […] E non posso capire chi vuole vedere questi personaggi come creature da favola immortali. Perché dovrebbero essere immortali? Quando leggo Asterix o Calvin e Hobbes o (riempite il vuoto) non penso di star leggendo storie su un essere immortale sovrannaturale. Semplicemente so che le storie si svolgono quando il personaggio ha un certo aspetto. Calvin non cresce mai. Non perché sia immortale... […] Ci sono molti personaggi classici che sono rimasti famosi per decenni, su cui si continua a produrre nuove storie... come Sherlock Holmes, o the Shadow, o Doc Savage. Ma queste nuove storie non sono mai ambientate nel presente -- le nuove storie di Sherlock Holmes sono ambientate nell'epoca vittoriana. I film su The Shadow e Doc Savage sono ambientati negli anni '30. Quella è l'epoca di quei personaggi, altrimenti non funzionano.
[Don Rosa]

Quella è l’epoca di quei personaggi, altrimenti non funzionano. Questo è il succo e la chiave di lettura dell’intera produzione di Don Rosa, che lo rende il padre della “continuity” nei fumetti Disney e autore straordinario. Chiunque, bene o male, è in grado di sceneggiare una storia o disegnarla ma pochi, straordinari, artisti possono riuscire a conciliare personaggi e realtà storica, a farli esistere assieme e addirittura intrecciarne le vicende (si pensi a Paperon de’ Paperoni e Theodore Roosevelt), senza creare striature. Leggendo la Saga di Paperon de’ Paperoni (ma tante altre storie di Rosa) si percepisce un contesto storico vivo e presente, che aiuta tantissimo a rendere i paperi non veri, ma verosimili. Leggendo le storie quasi non ci rendiamo conto che Scrooge McDuck è un personaggio inventato, per giunta un papero antropomorfo, perché ci appare -appunto- verosimile, quindi credibile. Il metodo alla base sembra, ed è, lo stesso sistema alla base del romanzo storico di Alessandro Manzoni, I Promessi Sposi. Renzo e Lucia sono personaggi fittizi, ma vivono e interagiscono con la realtà dell’epoca e questo gli conferisce una profondità eccezionale, profondità che non si percepisce nelle prime avventure di Paperino in un’atemporale fattoria di campagna: era evidente che quello che avevamo davanti non era un personaggio verosimile.

Partiamo però dall’inizio. L’intera produzione fumettistica di Don Rosa è ambientata in un arco tempo ben preciso: tra il 1947 e il 1967, ovvero dall’anno in cui Paperon de’ Paperoni conobbe i suoi nipoti all’anno della sua morte ideale, ovvero l’anno in cui Barks smise di disegnare. Già, perché per Don Rosa oltre quella data, snaturato dal contesto storico del suo creatore, Zio Paperone non potrebbe esistere.

Don Rosa ha avuto la grande abilità di dare una continuità al corpus delle opere Barksiane, operando in un periodo (gli anni ’50) che non è il suo, ma riuscendo comunque a caratterizzare i personaggi come pochi hanno saputo fare.

L’apice massimo della sua precisione storica e cronologica si raggiunge nella Saga di Paperon de’ Paperoni, nella quale ripercorre i primi ottanta anni della vita di Uncle Scrooge, dal 1867, anno della sua nascita, al 1947, anno del suo primo incontro con Paperino. Paperone vive la sua vita immerso nel contesto storico che è il suo, importantissimo per lo sviluppo caratteriale del papero, e interagisce con quei personaggi che hanno fatto la storia di quel periodo: Geronimo, Buffalo Bill e Theodore Roosevelt, per fare qualche esempio. Paperone vive, interagisce e impara. La storia dell’epoca non fluisce indipendentemente dalle
avventure vissute dal papero, ma è presente nella narrazione e, anzi, occupa un ruolo fondamentale: dalla corsa all’oro nello Yukon alla grande depressione del 1929.

Come dare torto a Don Rosa? Il tempo caratterizza e fortifica un personaggio, lo rende unico e lo rende quello che è. Un grande uomo politico come Cesare o un grande condottiero come Alessandro Magno, nati in contesti storici diversi, sarebbero stati ugualmente grandi?

Paperone è vissuto in un periodo molto difficile e in una famiglia diventata povera: rimboccandosi le maniche come solo lui sa fare è riuscito a farsi strada. Dal mito dell’America delle mille opportunità al sogno della corsa all’oro: ha fallito più volte, certo, ma non ha mai mollato. E’ difficile immaginarlo vivere quelle avventure oggi, nel XXI secolo e Don Rosa lo sa bene. Questo è alla base della sua personale idea del flusso del tempo nelle storie. Non può essere un continuum che corre parallelo alle avventure di paperi che non cambiano mai, non invecchiano mai: non ha senso vedere un Paperone usare il computer, come non avrebbe senso vedere un Asterix parlare al cellulare. E’ più che logico, no?

Per concludere, nelle storie odierne, la tendenza è quella di rendere le storie chiuse in sé stesse, cioè fare in modo che il finale di ogni storia corrisponda all’inizio, in modo da non alterare la statica visione del mondo dei paperi. Brigitta, per fare un esempio, tenterà sempre di conquistare Paperone ma non riuscirà mai a essere ricambiata, quando la Doretta Doremì di Barks e Don Rosa riuscì invece a fare breccia nel cuore di Paperone, strappandogli baci e andando addirittura oltre. Il risultato finale è quella di storie autoconclusive, che non dicono nulla. Magari sono piacevoli alla lettura, ma povere dal punto di vista tematico: la ricerca di un tesoro, gli scontri tra Paperone e Rockerduck/Amelia/Bassotti, l’amore di Brigitta o la lista dei debiti di Paperino, sono temi ormai triti e ritriti.

Se si leggono le storie di Barks in ordine cronologico si può notare pian piano il mutare dei personaggi, delle loro psicologie, cambiamenti delle situazioni, avventure sempre nuove, come se la famiglia dei paperi crescesse e mutasse nel tempo, cosa che ormai si è persa, in una moltitudine di storie sempre uguali. La vignetta umoristica di Barks sul matrimonio di Paperina e Paperino, o la scena della morte di Paperone di Don Rosa sono l’emblema di un continuum temporale, che deve essere considerato.

Non è vero che con Carl Barks tutto è già stato detto e Don Rosa ne è l’esempio più chiaro. C’è ancora molto da dire, molte caratteristiche di Paperone da esaminare: non sembra, ma Scrooge è un personaggio complessissimo e vale davvero la pena scoprirlo. Anni interi della giovinezza di Paperone, solo accennati dalla Saga di Don Rosa possono essere ancora esplorati e raccontati. Quante storie possibili ci appaiono davanti, che aspettano solo di essere create.

Thursday, September 6, 2012

La fantascienza di Tito Faraci: Brad Barron (di Andrea Cara)

Questo articolo è stato scritto per il "Premio Papersera 2012: Tito Faraci" dal nostro collaboratore Andrea Cara, che ci ha permesso di pubblicarne il contenuto. Buona lettura!

La Fantascienza, discorso che vale per tutti i generi, deve piacere, per essere gustata al meglio, altrimenti è meglio lasciar perdere e dedicarsi ad altri generi, quali essi siano. Una cosa è poi fruire del prodotto, come faccio io, o produrlo, sotto forma di scritto, immagine o disegno, come invece piace fare a Tito Faraci, grande sceneggiatore di fumetti disneyani e bonelliani, ma non solo.

Classe 1965, Tito Faraci ha lavorato a lungo in casa Bonelli prima di impegnarsi a portare alla luce un nuovo personaggio, Brad Barron, come protagonista di un’omonima serie a fumetti di Fantascienza. Prima di Brad Barron, Tito Faraci si era già impegnato a sceneggiare storie di Fantascienza.

Basti pensare alle riuscitissime storie della serie Disney PKNA ma anche alla prima storia tutta italiana dell’Uomo Ragno, con i bellissimi disegni di Giorgio Cavazzano, Il segreto del vetro.

Come racconta lui stesso, Tito Faraci si era impegnato ad inventare un personaggio nuovo e tutto suo prima dei quarant’anni. E c’è riuscito benissimo con Brad Barron, prima miniserie a fumetti di casa Bonelli che, nell’arco di 18 numeri, pubblicati tra il 2005 ed il 2006, descrive le peripezie di un eroe nostrano che combatte in suolo americano per la libertà di un pianeta invaso da una specie aliena e cattivissima.

“La Terra viene invasa da malvagi alieni, i Morb. Solo un uomo avrà il coraggio di combatterli: Brad Barron” (fonte Wikipedia). Tutto il resto è Storia, aggiungo io!

La storia di Brad Barron si apre nel 1956 di un nostro passato alternativo con l’arrivo sulla Terra di una specie aliena, i Morb, appunto, il cui unico scopo è quello di impadronirsi del nostro pianeta per soggiogarne gli abitanti. I Morb sono una specie conquistatrice aliena e malvagia, fin da subito e senza ombra di dubbio. E tali rimangono fino alla fine della saga.

Come prima cosa, com’è giusto facciano tutti gli alieni cattivi che si rispettino, i Morb radono al suolo la maggior parte delle città del pianeta.

Per buona misura. Per farci capire contro chi abbiamo a che fare. Difatti, i Morb li conosciamo subito e senza troppi preamboli. Una razzaccia rettiloide che odiamo subito dalla prima vignetta in cui compaiono, nella quinta tavola della prima storia. A questi fa da contraltare il nostro eroe, Brad Barron, che ha invece come unico scopo, fin da subito e senza ombra di dubbio, quello di combatterli sia per liberare il pianeta Terra che per ritrovare i suoi familiari, la moglie e la figlia, scomparsi durante il primo attacco dei Morb alla città di New York. Ovviamente li ritroveremo alla fine della storia, sani e salvi, grazie all’intervento risolutivo di Brad Barron.

La serie rientra nel filone narrativo epico-eroistico, con Brad Barron che è il vero ed unico eroe della saga, benché tanti siano i comprimari che in un modo o nell’altro lo aiuteranno a portare a termine la sua opera.

Americano, originario di Clarksville nel Kentuky ma abita a New York da dove parte la storia ufficiale, biologo di successo, aveva in precedenza scritto un saggio sulle forme di vita extraterrestri, eroe della seconda guerra mondiale, dove ha partecipato allo sbarco in Normandia, Brad Barron si trova controvoglia a dovere svolgere la parte dell’eroe. Ma non recita la parte dell’antieroe: tutt’altro! Un eroe duro e puro che abbraccia l’ingrato compito e da solo, ancorché con l’aiuto di compagni trovati lungo il cammino, riesce ad infliggere colpi sempre più duri ai Morb per alla fine colpirli direttamente al cuore e determinarne la sconfitta totale e definitiva. Per lo meno fino ad oggi. Vedremo poi se Tito Faraci non vorrà riservarci delle sorprese in futuro.

Nel numero di apertura della serie, Non umani, viene descritto l’arrivo dei Morb, la distruzione della Terra, la cattura di Brad Barron da parte dei Morb e la sua fuga dall’astronave, che era nel frattempo atterrata al centro dell’isola di Manhattan, distruggendo gran parte degli insediamenti umani. I Morb si accorgono subito che Brad Barron, il Numero Nove, come viene da loro identificato, non è come gli altri abitanti del pianeta. Il nostro eroe non si fa soggiogare dalla dichiarata superiorità fisica e tecnologica dei Morb ma anzi li combatte e cerca fin da subito di fuggire per recuperare la libertà perduta. Dal secondo numero della serie in poi Brad Barron verrà coinvolto in molte e diverse avventure che lo porteranno a conoscere sempre meglio il suo nemico per poterlo poi distruggere definitivamente nell’ultimo numero della serie.

Brad Barron è un fumetto ambientato negli anni Cinquanta, ispirato all’immaginario di quell’epoca, ma non è un “fumetto anni Cinquanta”, come ci racconta lo stesso Tito Faraci nella rubrica introduttiva del già citato primo numero della serie. La storia di Brad Barron s’inserisce perfettamente, invece, all’interno degli stilemi narrativi della Fantascienza classica, quella dell’età dell’oro, la Golden Age, che tra il 1930 ed il 1950 invade il mercato americano in tutte le sue forme di genere, cinema, letteratura e fumetto. Da questo filone narrativo Tito Faraci raccoglie a piene mani le fonti che utilizza per sceneggiare, descrivendole in maniera dettagliata, le ambientazioni e gli avvenimenti che porteranno alla definitiva scomparsa dei Morb dalla Terra.

In questo senso Tito Faraci si comporta da vero Maestro, mostrandosi capace di recuperare separatamente, per poi riunirli, elementi cari ai generi fantascientifici della Golden Age. Partendo dal fumetto, con Flash Gordon di Alex Raymond e Saturno contro la Terra di Cesare Zavattini, Federico Pedrocchi e Giovanni Scolari, Tito Faraci passa attraverso Film classici della Fantascienza quali, per citarne alcuni, La cosa da un altro mondo, di Christian Nyby e Howard Hawks, L’invasione degli ultracorpi, di Don Siegel e il più recente Fanteria dello spazio, di Paul Verhoeven, riduzione cinematografica dell’omonimo classico del 1959 di Robert A. Heinlein, per arrivare ai più recenti Taken, di Steven Spielberg, Occhi bianchi sul pianeta Terra, di Boris Sagal, Alien, di Ridley Scott, Independence day, di Roland Emmerich e Battaglia per la Terra di Roger Christian, sfortunata trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo del 1982 di Ron Hubbard. In quest’ultimo lungo racconto, la Terra viene anch’essa invasa da una razza di malvagi alieni, gli Psychlo. Qui, dopo mille anni di dominio, l’ambientazione è nell’anno 3000 del nostro tempo, il terrestre Jonnie Goodboy Tyler riesce a fuggire dalla prigionia del terribile alieno Terl degli Psychlo per poi combattere una lunghissima battaglia per la libertà della Terra. Il successo è ovviamente garantito!

Per tornare al nostro eroe, la miniserie a 18 numeri di Brad Barron si chiude con la sconfitta dei terribili Morb e con una Terra disastrata lasciata alla ricostruzione dei terrestri. Finito di leggere la serie, mi rendo conto che Tito Faraci è riuscito con grande perizia ad inventare e sceneggiare un nuovo universo che regala nuovo svago e divertimento.

Benché terminato il ciclo, Tito Faraci, come è giusto per qualunque saga che si rispetti, ne lascia aperto il finale per futuri sequel. Difatti questi non si fanno aspettare. Nell’arco di quattro anni, dal 2008 al 2011, sono infatti usciti ben 5 speciali ed un sesto è già in cantiere, pronto per essere dato alle stampe nel corso del 2012. Ho appena finito di sfogliare l’ultima pagina del quinto speciale e mi sono reso conto che la figura del nostro eroe ed il suo universo hanno iniziato a respirare in maniera diversa. Se non sono i Morb i nemici da combattere in questo nuovo ciclo di avventure, lo sono i mostri che sono rimasti sulla Terra (La rinascita – Speciale N. 1), quelli che Brad Barron trova nel passato di una Terra alternativa (Terra di frontiera – Speciale N. 2), un gruppo di vecchie conoscenze diventati spacciatori di droga “aliena”, (Tornati dall’Inferno – Speciale N. 3), un vento alieno che cerca di invadere uno sperduto villaggio (Il visitatore – Speciale N. 4) oppure, per finire, un nuovo gruppo di supereroi (I guardiani supremi – Speciale N. 5). In particolare con questi due ultimi speciali Tito Faraci strizza l’occhio alla letteratura supereroica, quella di Superman, tanto per capirci, con riferimenti neanche troppo velati ad Iron Man, Silver Surfer, i Fantastici Quattro e gli X-Man della Marvel, ma scaturiti dalla mente geniale di Stan Lee.

É come se Brad Barron fosse diventato maggiorenne per trovarsi pronto ad affrontare nuove avventure in una Terra che continua a portare i segni dell’invasione dei Morb ma è pronta a confrontarsi con nuove realtà sapendo di potere contare sempre sull’eroe Brad Barron.

Complimenti e grazie al Maestro di Gallarate quindi!